COMUNICATO SUI LICENZIAMENTI PFIZER – CATANIA

Il Partito Comunista condanna fermamente i 130 licenziamenti che il gruppo farmaceutico Pfizer di Catania ha già presentato ai sindacati. Esprime piena solidarietà ai lavoratori in lotta per la difesa del proprio posto di lavoro. 

Di fronte a questi licenziamenti non ci sono ragioni che tengano, la condanna è assai più forte perché sappiamo bene quanto la multinazionale Pfizer ha incassato, in termini di profitti, nel corso della campagna vaccinale. L’introduzione poi dei vari obblighi vaccinali e del greenpass da parte del Governo Italiano hanno di fatto favorito i vaccini statunitensi, Pfizer in primis. Grazie proprio a questi enormi profitti che suona come una beffa la notizia dei licenziamenti. 

La multinazionale statunitense non solo non dovrebbe licenziare ma dovrebbe sentire un dovere morale e sociale nei confronti del nostro Paese e della Sicilia in particolare.

La Sicilia continua ad avere uno dei tassi più alti di disoccupazione d’Italia e d’Europa e la pandemia e la sua gestione non hanno fatto altro che peggiorare la situazione economica e sociale dell’Isola.

La politica dei governi nazionali, del governo regionale assieme ai sindacati concertativi risulta essere assolutamente inadeguata ed inconsistente nell’affrontare e risolvere i problemi dell’occupazione e dei lavoratori siciliani. Tale modo di governare da un lato e di non difendere i lavoratori dall’altro sono le principali cause dell’attuale situazione in cui versa la Sicilia ed i siciliani e che ha garantito alle multinazionali di poter perpetrare le loro pratiche di sopraffazione continuando a fare il bello e il cattivo tempo nel nostro Paese.

L’evidenza dimostra quale sia il reale interesse di queste case farmaceutiche, non l’interesse collettivo, ma l’interesse legato alla massimizzazione dei profitti, speculando sulla vita dei lavoratori e dei cittadini, devastando un territorio già aggravato di suo.

Questo modello politico ed economico non tutela affatto l’interesse dei lavoratori, ma tutela solamente i grandi profitti a discapito degli interessi popolari e dei lavoratori siciliani. Responsabili di tutto ciò sono governi e sindacati concertativi che consentono piena liberà di azione alle multinazionali. 

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *