Oggi come ieri: NO AL PONTE SULLO STRETTO!

Ad ogni tornata elettorale assistiamo alle solite uscite e promesse sulla “costruzione” del Ponte sullo Stretto, che ha già ingrassato con milioni e milioni di soldi pubblici (cioè dei lavoratori) le tasche di affaristi speculatori e grandi gruppi finanziarie e industriali garantendo profitti per pochi e costi per tutta la collettività. Queste servono solo a nascondere i reali temi che interessano le classi popolari della nostra città e regione, nello specifico sul tema dell’arretramento infrastrutturale nei trasporti e non solo, per mettere in vetrina venditori di fumo a caccia di voti e prebende mentre nella realtà continua ad esser tagliata la continuità territoriale e i posti di lavoro. Noi siamo schierati coerentemente con la battaglia per la modernizzazione delle infrastrutture del paese necessarie allo sviluppo economico e del benessere dei lavoratori ma il Ponte sullo Stretto, oltre ai danni ambientali e i limiti e pericoli della costruzione, non corrisponde di certo ai criteri di interesse effettivo per la società e le popolazioni locali a differenza del necessario ammodernamento della rete ferroviaria siciliana e dei treni, del trasporto pendolare e della rete autostradale, così come la cura del territorio, la riconversione energetica e antisismica delle abitazioni e la messa in sicurezza dal dissesto idreogeologico, il passaggio dal trasporto su gomma a quello su ferro, l’abbattimento dei costi per i lavoratori sui trasporti e la loro nazionalizzazione, sia per quanto riguarda quello su strada, ferrovie e marittimo. Infine ricordiamo come giace nel dimenticatoio la proposta del movimento di lotta in difesa della continuità territoriale contro i tagli nel trasporto a lunga percorrenza tra la Sicilia e il resto d’Italia, che prevedeva treni veloci su navi veloci in grado di diminuire immediatamente e in modo significativo i tempi di attraversamento dello stretto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *