Dissequestro MUOS: il Tribunale del Riesame di Catania risponde presente alla chiamata di guerra in Libia

A qualche giorno dall’incontro del Ministro della Difesa, Pinotti, con i rappresentanti del Congresso americano e all’indomani della dichiarazione della stessa di disponibilità alla concessione delle basi agli USA per le operazioni militari di guerra in Libia, è giunto il pronunciamento del Tribunale del Riesame di Catania che dissequestra il MUOS accogliendo il ricorso del Ministero della Difesa, rappresentato dall’Avvocatura dello Stato.

Con uno straordinario tempismo, il Tribunale, risponde presente alla chiamata per la guerra in Libia dove sono iniziati da qualche giorno i bombardamenti americani che sono effettuati con l’ausilio dei droni stanziati a Sigonella. E’ evidente come la sentenza del Tribunale del Riesame di Catania abbia fondamento solo nella legalità degli interessi della classe dominante e dei suoi apparati politici e militari italiano e statunitense, impegnati nella nuova avventura imperialista in Libia per la spartizione del bottino dopo la guerra del 2011 che vede la nostra regione essere ancora una volta un avamposto di guerra al servizio dei monopoli capitalistici.

Il pronunciamento del Tribunale del Riesame di Catania non sorprende di certo coloro che, come noi, non hanno mai riposto fiducia in nessun organo dello Stato borghese, pur considerando che sia necessario dar battaglia anche sul terreno giudiziario ma senza considerarlo come il campo principale dello scontro. Come non abbiamo considerato alcuna garanzia di vittoria alcune precedenti sentenze positive, non bisogna considerare di certo come una sconfitta quest’ultimo dissequestro. D’altronde è noto come le parabole del MUOS, sotto gli occhi della polizia italiana, siano state in funzione in più occasioni anche con un provvedimento di sequestro in corso. Questa è la legalità dello Stato borghese che risponde alla volontà politica della borghesia italiana vincolata a quella americana dall’alleanza militare della NATO per perseguire i propri interessi che sono al di sopra di ogni cosa e a cui sono asserviti tutti gli organismi e istituzioni statali.

Il contesto internazionale dove si acutizza la competizione inter-imperialista, che coinvolge direttamente l’imperialismo italiano in particolare nell’ennesima campagna libica, con scenari sempre più cupi di guerra globale, fa sì che gli imperialisti americani e italiani si adoperino con ogni mezzo a loro disposizione per superare qualsiasi intoppo utilizzando ogni artificio giuridico-politico e piani sempre più autoritari e arbitrari per salvaguardare e perseguire gli interessi, generali e particolari, dei rispettivi monopoli capitalistici che sono diametralmente opposti a quelli della classe lavoratrice e le masse popolari siciliane e italiane, così come di quelli del popolo libico e di tutti i popoli del mondo.

Consci della complicità di tutte le istituzioni statali e del governo italiano e regionale con gli interessi dell’imperialismo USA con cui è colluso l’imperialismo italiano e europeo tramite la NATO, dell’importanza strategica del MUOS per gli USA e i suoi alleati e di come la Sicilia sia sempre più il centro logistico per le guerre imperialiste in Medio Oriente e Africa, bisogna rafforzare e diffondere la lotta popolare per lo smantellamento del MUOS, la chiusura delle basi USA-NATO nel nostro territorio, per sabotare i piani imperialistici di guerra che sono nell’esclusivo interesse dei profitti capitalistici in prosecuzione con le politiche antipopolari che padronato, UE e governo Renzi hanno scatenato contro i lavoratori e i settori popolari nel nostro paese. Come sapevamo già prima del dissequestro la strada della vittoria non è determinata dalla carta bollata ma solo dalla forza della volontà popolare.

SABOTARE LA GUERRA IMPERIALISTA, SMANTELLARE IL MUOS, CHIUDERE LA BASE USA

FUORI L’ITALIA DALLA NATO, FUORI LA NATO DALL’ITALIA

NO ALLA CONCESSIONE DELLA BASE DI SIGONELLA AGLI USA

NON UN SOLDO, NON UN SOLDATO ITALIANO PER LA GUERRA IN LIBIA

NE’ GUERRA TRA I POPOLI, NE’ PACE TRA LE CLASSI

PROLETARI E POPOLI OPPRESSI DI TUTTO IL MONDO, UNITEVI!

Partito Comunista – Com. Reg. Sicilia

2 Responses to Dissequestro MUOS: il Tribunale del Riesame di Catania risponde presente alla chiamata di guerra in Libia

  1. […] un comunicato all’indomani della sentenza di dissequestro dell’impianto satellitare della Marina americana […]

  2. […] recente sentenza di dissequestro da parte del Tribunale del Riesame di Catania e la mannaia repressiva scatenata dalla Procura di […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *