No alla dismissione dei treni a lunga percorrenza e delle navi a 4 binari

Lo scorso 2 Gennaio, il sindacato di base Or.S.A. ha denunciato tramite un comunicato diffuso per mezzo stampa, l’intenzione del Gruppo F.S. di “eliminare il servizio universale garantito dai treni a lunga percorrenza, con la conseguente soppressione delle navi a 4 binari che autorizzerebbe la sospensione delle sovvenzioni Statali (circa 47 milioni di euro annui) per il traghettamento dei treni da e per la Sicilia”. A questa denuncia non è seguita nessuna reale e concreta smentita da parte del Gruppo F.S. e delle istituzioni riguardante il taglio o la completa dismissione del servizio, sicuro solo fino a Giugno.

Il Partito Comunista dichiara la propria ferma opposizione a questo progetto che rappresenta un ulteriore colpo al settore del trasporto che coinvolge tutti i lavoratori e le lavoratrici, alla cui base ci sono solo interessi economici basati sulla logica del profitto dei pochi a danno del lavoro e del diritto alla mobilità dei molti. Per la Sicilia si tratta di un ulteriore colpo all’occupazione e ai collegamenti infrastrutturali, evidenziando nei fatti la rottura della continuità territoriale con il resto del paese.

Lavoratori marittimi, ferrovieri, precari e non, tutti i lavoratori e lavoratrici sono coinvolti in questa battaglia.

Né tagli, né dismissione, né privati. Difendiamo il lavoro, i diritti e il servizio pubblico. Lottiamo contro gli interessi degli armatori privati, contro il processo di privatizzazione della società “Ferrovie dello Stato” (già società per azioni)  annunciato nei mesi scorsi dal governo Renzi (prosecuzione di quello in atto dal 1º gennaio dell’anno 1986, con l’applicazione della legge 17 maggio 1985, n. 210) e il “4° pacchetto ferroviario” dell’Unione Europea.

Nessun posto di lavoro deve esser toccato!

Diritto alla mobilità per tutti/e!

Organizzare la resistenza unitaria dei lavoratori, costruire l’offensiva!

Nazionalizzazione delle FS sotto il controllo dei lavoratori!

Partito Comunista – Comitato Regionale Sicilia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *